I contributi dei nostri testimoni in quest’anno di AMITIE!

Con questo nuovo post, vogliamo ripercorrere – e attualizzare – alcuni stimoli e suggerimenti emersi durante i focus gruop che hanno contribuito alla realizzazione della campagna di AMITIE.

Ripensando alle tante suggestioni di quelle voci, allo scambio profondo, ritroviamo oggi molti stimoli che sono alla base dei 10 punti di AMITIE, ma anche l’approfondimento sui temi della migrazione e del co-sviluppo.

Come quando Norbert, studente camerunense che viveva e studiava a Bologna, ha comunicato che la migrazione non é solo il diritto intrinseco a muoversi e a cercare una vita migliore, ma anche una missione volta al recupero di risorse deprivate nel tempo dal “nord del mondo”.

Idea comunicata nella cartolina: “Sono venuto per riprendere ciò che è stato portato via al mio paese

amitie1

Ma anche le differenze di approccio nella percezione della migrazione. Non solo i toni della tristezza e della malinconia della separazione, della perdita, ma anche gli aspetti della felicità, della ricerca della libertà.

Se mi impedisci di migrare mi impedisci di sognare” è il messaggio che Sanaa, studentessa iraniana, ha voluto comunicare.

amitie2

Per Shariff, intellettuale e giornalista fuggito dalla Sierra Leone in Libia e poi da qui approdato a Lampedusa dopo avere rischiato di perdere la vita nella traversata del Canale di Sicilia in seguito alla guerra civile del 2011, ci ricorda invece che “la migrazione è condizione universale, che caratterizza la storia dell’uomo ed è una risorsa economica, umana, culturale. Start benefitting from migration è quello che vuole comunicare.

Il diritto a migrare, inteso come diritto fondamentale dell’uomo, è l’idea che Giuseppe ha voluto esprimere “Se non si decide dove si nasce si può almeno scegliere dove vivere“. E poi Jesus, giovane spagnolo di Valladolid, che sogna di diventare “professore” di lingue e insegnare ai suoi allievi l’amore e il rispetto per il mondo e per i suoi abitanti… “Tutti somos étrangers” è la sua idea di migrazione.

amitie3

E insieme a loro tutti coloro che hanno comunicato le loro idee e loro pensieri nelle cartoline da AMITIE – idee per cambiare idea.

Infine Alison, di origini eritree cresciuta in Italia, ha proseguito la sua partecipazione al progetto, diventando testimonial della campagna di AMITIE. “Guardo la diversità e trovo la ricchezza“, era la sua idea iniziale per esprimere la migrazione.

E questo sguardo che nella diversità trova ricchezza attraversa ancora oggi la città, i quartieri, il territorio, lo spazio digitale, gli eventi AMITIE a ricordarci che la partecipazione di quei cittadini contina, con forme nuove, come nel caso dei Percorsi di Cittadinanza e della loro fase di co-design e co-sviluppo con la cittadinanza (leggi questo post per capirne di piu…)

 

A presto con altre storie, visioni e riflessioni.

 

 

Leyla Dauki – CD>>LEI Comune di Bologna

Leave a Reply

*
Warning: imagepng(): Unable to open '/srv/www/fornitori/interni/amitie-community/wp-content/themes/modernize/include/plugin/really-simple-captcha/tmp/483485714.png' for writing: Permission denied in /srv/www/fornitori/interni/amitie-community/wp-content/themes/modernize/include/plugin/really-simple-captcha/really-simple-captcha.php on line 121 Warning: fopen(/srv/www/fornitori/interni/amitie-community/wp-content/themes/modernize/include/plugin/really-simple-captcha/tmp/483485714.php): failed to open stream: Permission denied in /srv/www/fornitori/interni/amitie-community/wp-content/themes/modernize/include/plugin/really-simple-captcha/really-simple-captcha.php on line 130

captcha *